Il segreto per imparare a conoscersi

di Federico Dibernardo

Pare che nel mondo moderno si parli molto di consapevolezza di sé stessi, come chiave di successo. Spesso insegniamo ai nostri ragazzi che la chiave per essere felice è vivere la vita con consapevolezza e piena conoscenza di sé. Tuttavia, quello che spesso non riusciamo a trasmettere sono gli strumenti da utilizzare per conoscerci appieno. Credo sia giusto pensare che essere consapevoli di noi, della nostra personalità e soprattutto dei nostri desideri, ci orienti nel mondo in modo mirato e produttivo. Ma come facciamo a conoscerci? Come capiamo quali sono i nostri desideri?Nelle classi con cui abbiamo lavorato è uscito fuori il tema dell’accettazione di sé stessi legata al concetto di benessere, nulla di più vero: non esiste consapevolezza di sé slegata dal concetto di accettazione di sé.La chiave per una completa e serena conoscenza di noi stessi risiede in prima istanza proprio nell’assenza di giudizio “come sono va bene, in ogni caso, perché io ho la mia storia e la mia vita conta esattamente come quella delle altre, né più e né meno”.Tuttavia, la vita in cui cresciamo è spesso contornata di contraddizioni e messaggi paradossali “sii te stesso ma non come Luigi che fa un lavoro troppo umile o sii te stesso ma un po’ meno di Anna che ha intrapreso una carriera che non la porterà da nessuna parte”. Come conoscerci quando mille messaggi dal mondo, e spesso dal nostro stesso nucleo famigliare, ci crescono con una percezione chiara che alcuni modi di essere e vivere sono più giusti di altri? Come faccio a capire quali sono i miei desideri se cresco nella paura che ciò che potrei desiderare non sia conforme ai canoni e gli standard di quello che vedo intorno a me?Impariamo a volerci bene in qualunque modo siamo e dopo che lo abbiamo imparato insegniamolo ai nostri ragazzi. Ricordiamo loro la bellezza dell’affetto senza vincoli e condizioni, desideriamo di conoscere davvero i nostri ragazzi senza il timore di vederli crescere diversi da come vorremmo. Solo attraverso il nostro pieno appoggio insegneremo loro a conoscersi davvero, senza avere paura di quello che vedranno dentro di loro.

Il punto di vistadi Sofia.

Per comprendere i giovani bisogna guardare il mondo dalla loro prospettiva e Sofia Viscardi ha fatto proprio questo. Non è solo IL TESTIMONE DI RESPIRA CON IL CUORE, SOFIA è una delle prime partecipanti. Anche se in maniera diversa sul suo canale Youtube “Canale di Venti” affronta le stesse questioni: futuro, adolescenza e emozioni.

GUARDA IL VIDEO DI SOFIA VISCARDI

I Partnerdel progetto

I Partnerdel progetto